Il malaffare salernitano

Inviato da hopfrog il Lun, 11/10/2021 - 20:17
Le mani sulla città

Puntare l'indice verso i personaggi coinvolti nella recente inchiesta su appalti e convezioni truccate al Comune di Salerno è non solo inutile ma soprattutto fuorviante. Certamente soddisfa gli appetiti peggiori dei forcaioli ma mantiene - senza risolvere nulla - il grandissimo problema strutturale di un sistema radicato da una continuità politica senza precedenti nella storia salernitana che inevitabilmente ha creato zone di assoluta illegalità e tanti piccoli potentati. E' inutile ed anche pericolo perchè mette a rischio non le poche persone indagate ma tantissimi lavoratori e le loro famiglie. Ed è in difesa di questi che dovrebbe intervenire una politica coerente e coscienziosa liberando finalmente i lavoratori ed il lavoro dalle maglie di un reticolo di ricatti e dipendenze illegali. E' qui che dovrebbero finalmente intervenire il sindacato, le forze politiche fuori da questo sistema di lottizzazioni, le associazioni e la parte sana della Città per chiedere innanzitutto la salvaguardia dei lavoratori e l'immediata cessazione di ogni rapporto con tutte le varie società "fittizie" artefici di questa vergognosa vicenda.

Mantenere in vita questo sistema che si muove nell'ambito del "consentito" ai margini della legalità è la vera iattura e lo dico con forza e chiarezza a quanti - sui Social e/o pubblicamente - chiedono misure severe contro gli indagati.

Confesso che della "sorte giudiziaria" degli indagati non mi interessa assolutamente nulla ma, da cittadino libero, quello che mi interessa è che si rompa questo sistema clientelare "legale" fatto di lavoro "mediato" da traffichini appartenenti al sottobosco politico contrario ad ogni principio di "diritto al lavoro" che crea non solo clientele ma anche uno sfruttamento ed una umiliazione della persona lavoratore. Il diritto al lavoro deve essere uguale per tutti e, bisogna essere chiari e decisi: un sistema che permette accessi privilegiati, assunzioni dirette di conoscenti ed amici, convenzioni a iosa fuori anche da collegialità decisioniali non può essere più tollerato e deve essere immediatamente abbattuto!

Su questo non vi è bisogno di nessuna attesa delle indagini giudiziarie ma solo di una azione politica che condanni ora e subito questo sistema fuori da ogni "politically correct" che sembra prevalere tra tutti i neo-eletti anche dell'opposizione! La politica e non la magistratura deve procedere alla ferma condanna della gestione clientelare, personale, contro i lavoratori ed i cittadini salernitani che ha caratterizzato gli ultimi decenni!

Etichette

Rubrica