Manuale dell'hacker perfetto

Autore
Keywords
Astratto

C'è una comunità, una cultura comune, di programmatori esperti e di maghi delle reti che affonda le radici della sua storia decenni addietro, ai tempi dei primi minicomputer e dei primi esperimenti su ARPAnet. I membri di questa cultura stanno all'origine del termine 'hacker'. Gli hackers hanno costruito internet. Gli hackers hanno reso il sistema operativo UNIX quello che è oggi. Gli hackers mandano avanti Usenet. Gli hackers hanno fatto funzionare la World Wide Web. Se fai parte di questa cultura, se hai contribuito ad essa e altre persone della medesima ti conoscono e ti chiamano hacker, allora sei un hacker. La forma mentis dell'hacker non è ristretta all'ambito del software-hacking. Ci sono persone che mantengono un atteggiamento da hacker anche in altri campi, come l'elettronica o la musica - davvero, lo puoi trovare ai livelli più alti di qualsiasi scienza od arte. I software-hackers riconoscono questi spiriti affini ovunque e chiamano anche loro 'hackers' - e qualcuno afferma che lo spirito hacker è totalmente indipendente dal particolare media in cui l'hacker lavora. Ma nel resto di questo documento ci concentreremo sulle capacità e gli atteggiamenti del software hacker, e le tradizioni della cultura comune che ha dato origine al termine 'hacker'. C'è un altro gruppo di persone che si strillano a gran voce di essere hackers, ma non lo sono. Queste sono persone (per la stragrande maggioranza ragazzi adolescenti) che si divertono a entrare (generalmente in maniera illegale) negli altrui computers e a phreakkare le compagnie telefoniche. I veri hackers chiamano questa gente 'crackers', e non vogliono avere nulla a che fare con loro. I veri hackers pensano che i crackers siano pigri, irresponsabili, e non molto crillanti, e obbiettano che essere capaci di neutralizzare i sistemi di sicurezza non ti rende un hacker più di quanto far partire un'automobile cortocircuitando i cavi della chiave ti renda un ingegnere elettronico. Sfortunatamente molti giornalisti e scrittori si sono ingannati nell'usare la parola 'hackers' per descrivere i crackers; questo irrita incredibilmente i veri hackers . La differenza fondamentale è questa: gli hackers costruiscono le cose, i crackers le rompono.

Anno di Pubblicazione
2022
Editore
Anonimo
Documento allegato