La struttura più grande del mondo è stata proposta dal principe ereditario Mohammed Bin Salman. Milioni di persone potranno vivere in due edifici paralleli alti fino a 487 metri e collegati tra loro. Guarda il video ufficiale!

The Mirror Line Arabia Saudita
"The Mirror Line" si estenderà su un'area di appena 34 chilometri quadrati. Si farà in modo tale che ogni persona possa coprire tutte le proprie necessità quotidiane con una passeggiata di cinque minuti.

La città del futuro, la più grande costruzione del pianeta. Così definiscono l'ambizioso progetto promosso dal principe ereditario dell'Arabia Saudita Mohammed Bin Salman. Soprannominato "The Mirror line", sarà un edificio lineare lungo 170 chilometri nel deserto nel nord-ovest del paese, dove potrebbero vivere cinque milioni di persone. La costruzione costerà un miliardo di dollari per conto del governo saudita e sarà progettata "intorno alla persona, piuttosto che alle automobili", secondo la propaganda ufficiale.

Il progetto deve competere, per ordine del principe, con le piramidi egizie. Sarà costituito da due edifici paralleli di 487 metri che saranno collegati da una passerella, che percorrerà in linea il territorio, le montagne e i deserti, secondo i documenti di pianificazione confidenziali esposti per la prima volta e ai quali The Wall Street Journal ha avuto accesso.

Secondo le informazioni, una volta terminata questa "città lineare", sarà possibile percorrerla in 20 minuti da un treno ad alta velocità che passerà sotto gli edifici, avrà uno stadio di calcio alto più di 300 metri; e inoltre avrà al suo interno giardini e fattorie verticali in modo che i suoi residenti possano seminare, coltivare e raccogliere cibo stagionale durante tutto l'anno. Inoltre, prevede di ospitare un porto per yacht. "The Line of Mirrors fa parte di una serie di progetti di alto profilo che costituiscono Neom, uno sviluppo delle dimensioni del Massachusetts concepito dal principe Mohammed per diversificare l'economia del regno lontano dalla dipendenza dal petrolio", osserva il Wall Street Journal.

La Mirror Line si estenderà su un'area di appena 34 chilometri quadrati. Con questo, si cerca che ciascuno dei suoi vicini possa coprire tutte le proprie necessità quotidiane con una passeggiata di cinque minuti. I residenti avranno un microclima temperato, energia e risorse idriche rinnovabili al 100% e una posizione strategica che gli consentirà di connettersi con il 40% della popolazione mondiale con un volo che non durerà più di 6 ore.

Sfide finanziarie e globali

La proposta richiede investimenti esteri con una previsione di creazione di 380mila posti di lavoro entro il 2030, termine imposto dal principe Mohammed. Anche se una valutazione - di gennaio 2021 - ha indicato che il progetto potrebbe richiedere molto più tempo: circa 50 anni. La verità è che il progetto faraonico del principe saudita non ha entusiasmato gli investitori, tra l'altro, perché i paesi e le aziende occidentali evitano di fare affari con il regno e in particolare con il principe, il sovrano di fatto, per questioni sui diritti umani dopo la omicidio del giornalista Jamal Khashoggi nel 2018.

Ci sono anche preoccupazioni sul fatto che le persone possano voler evitare di vivere in un ambiente a molti piani in seguito alla pandemia di coronavirus e che le dimensioni della struttura altereranno la dinamica del flusso delle acque sotterranee negli uadi desertici e limiteranno il movimento di uccelli e altri animali.